Long-term prognosis of teeth with class III furcation involvement

Peter Eickholz, Maren Runschke, Bettina Dannewitz, Katrin Nickles, Hari Petsos, Dorothea Kronsteiner, Bernadette Pretzl
J Clin Periodontol. 2021;48:1528–1536

Abstract

Objective: Evaluation of survival of teeth with class III furcation involvement (FI) ≥5 years after active periodontal treatment (APT) and identification of prognostic factors.

Methods: All charts of patients who completed APT at the Department of Periodontology of Goethe-University Frankfurt, Germany, beginning October 2004 were screened for teeth with class III FI. APT had to be accomplished for ≥5 years. Charts were analysed for data of class III FI teeth at baseline (T0), at accomplishment of APT (T1), and at the last supportive periodontal care (T2). Baseline radiographic bone loss (RBL) and treatment were assessed.

Results: One-hundred and sixty patients (age: 54.4 ± 9.8 years; 82 females; 39 active smokers; 9 diabetics, 85 stage III, 75 stage IV, 59 grade B, 101 grade C) presented 265 teeth with class III FI. Ninety-eight teeth (37%) were lost during 110, 78/137 (median, lower/upper quartile) months. Logistic mixed-model regression and mixed Cox proportional hazard model associated adjunctive systemic antibiotics with fewer tooth loss (26% vs. 42%; p = .019/.004) and RBL (p = .014/.024) and mean probing pocket depth (PPD) at T1 (p < .001) with more tooth loss.

Conclusions: Subgingival instrumentation with adjunctive systemic antibiotics favours retention of class III furcation-involved teeth. Baseline RBL and PPD at T1 deteriorate long-term prognosis. Keywords: furcation involvement class III; long-term tooth survival; periodontitis stage III and IV; systemic antibiotics.

Obiettivo: Valutare la sopravvivenza ed i fattori prognostici di denti con compromissione di classe III di forcazione (FI) dopo un periodo ≥5 anni in seguito a trattamento parodontale attivo (APT)

Metodi: sono stati valutati i dati clinici dei pazienti che hanno completato l’APT presso il dipartimento di Parodontologia dell’Università Goethe di Francoforte (Germania) dall’inizio del 2004. I dati clinici sulle forcazione di grado III sono stati valutati in baseline (T0), al termine della fase attiva (APT) ed in concomitanza dell’ultima sessione di terapia di supporto (T2). È stato valutato inoltre, il libello osseo radiografico in baseline (RBL) ed il tipo di trattamento ricevuto. 

Risultati: 160 pazienti con 265 denti con classe III di forcazione sono stati inclusi (età:54.4 ± 9.8 anni; 82 femmine; 39 fumatori; 9 pazienti diabetici, 85 stadio III, 75 stadio IV, 59 grado B, 101 grado C). 98 denti (37%) sono stati persi in un periodo di 110 mesi (mediana). Il modello di regressione logistica ed il modello di rischio proporzionale di Cox hanno associato gli antibiotici sistemici con un numero minore di denti persi (26% vs 42%: p =0.019/0.004) ed il livello di RBL e PPD medio a T1 con maggiore perdita di denti (p<.001).  

Conclusioni: la strumentazione sotto-gengivale insieme alla somministrazione di antibiotici sistemici aumenta la capacità di mantenere gli elementi dentali con compromissione di classe III di forcazione
I valori di RBL e PPD in baseline ne deteriorano la prognosi. 

Scarica Articolo

Commento all'articolo

A cura del dr. Mario Roccuzzo TOrino

In qualità di Socio potrai ascoltare il podcast con commento in italiano.